martedì 24 giugno 2014

American Pancakes alla Ricotta


L'anno scorso in questo periodo mi trovavo nella Grande Mela (non vi nascondo che sto trattenendo la lacrimuccia da saudade).
Una volta che visiti New York capisci davvero quanto gli americani siano avanti in tutto, o quasi.
Gastronomicamente parlando devo ammettere che non ci sono confronti con la cucina made in Italy, ma sui Pancakes.....Bhè, anche qui vincono loro.
Questa ricetta l'ho beccata tempo fa sul Gambero Rosso Channel in una puntata della morbida Nigella Lawson, me l'ero appuntata su un post it verde che ho ritrovato proprio la scorsa settimana mentre stavo riordinando il mio quadernino delle dolcezze.
Il perchè non l'avessi ancora collaudata mi è tuttora ignoto, questi Pancake alla ricotta sono meravigliosamente soffici, delicati ed addirittura poco dolci e burrosi (e per chi conosce Nigella sa perfettamente che la leggerezza non è il suo punto forte!)
Tuttavia, vi lascio con grande piacere la ricetta. 
Fidatevi, provateli in questa versione con sciroppo d'acero, miele, burro, marmellata, crema al cioccolato, topping di qualsiasi genere o frutta fresca.







INGREDIENTI (per circa 20 pancakes):
250 gr di ricotta (io ho utilizzato la "Nuvola di latte" del caseificiopascoli.com)
125ml di latte 
2 tuorli
2 albumi montati a neve
100 gr di farina 00
1 cucchiaino di lievito per dolci
1 pizzico di sale
miele o sciroppo d'acero
frutta fresca a piacere

PROCEDIMENTO:
Lavorare la ricotta con i tuorli e il latte, aggiungere la farina setacciata con il lievito, mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo. Montare a neve gli albumi con un pizzico di sale, unirli all'impasto mescolando delicatamente dal basso verso l'alto.
Scaldare una padella antiaderente (unta leggermente con una noce di burro) versare una cucchiaiata di impasto, allargarla leggermente in modo da formare un cerchio di 7 cm di diametro (io ne ho cotti 4 alla volta) e cuocere a fiamma bassa; miraccomando il pancake va girato quando il primo lato è dorato (non aspettate che compaiano i classici buchini, qui non si formano) quindi continuare la cottura anche sull'altro lato.



 La cottura è più lunga rispetto ai pancake classici e la fiamma deve essere molto molto bassa altrimenti cuociono troppo in fretta fuori rimanendo invece crudi all'interno.
Una volta pronti, impilare i pancake in modo da mantenerli caldi e servire subito con sciroppo d'acero (o quello che piace a voi).















1 commento:

  1. i pancakes sono americani...se non li fanno buoni loro....

    RispondiElimina